Meno tasse per i lavoratori dipendenti

24 Feb 2020

A partire da luglio 16 milioni di lavoratori avranno un beneficio economico in busta paga con il taglio dell’Irpef. Per quattro milioni e mezzo sarà la prima volta grazie ad una nuova detrazione.

– Tutti coloro che già percepiscono il ‘bonus 80 euro’, cioè chi guadagna tra 8.200 e 24.600 euro lordi annui, avranno diritto ad un ulteriore taglio delle tasse di 240 euro l’anno.

– Chi ad oggi non riceve il ‘bonus 80 euro’, o lo riceve solo parzialmente, cioè percepisce tra i 24.600 e i 28.000 euro, avrà diritto ad un beneficio mensile fino a 100 euro.

– Chi guadagna tra i 28.000 e i 35.000 euro avrà una riduzione delle tasse di almeno 80 euro.

– Chi ha una retribuzione annua tra i 35.000 e i 40.000 euro potrà usufruire di una detrazione che si abbassa gradualmente fino ad azzerarsi. – I lavoratori che guadagnano fino a 12.500 euro non pagheranno l’Irpef.

UN PRIMO IMPORTANTE PASSO È STATO FATTO

Ora dobbiamo andare avanti per ottenere un sistema più equo e progressivo. Vogliamo una riforma fiscale per:

-continuare ad abbassare le tasse ai lavoratori ed estendere la riduzione fiscale ai pensionati;

-rivedere complessivamente le aliquote, il sistema delle detrazioni e incrementare il sostegno ai lavoratori con figli;

-detassare gli aumenti contrattuali per sostenere la contrattazione;

-intervenire sulle tante ingiustizie fiscali affermando il principio della progressività. Chi ha di più deve pagare di più;

-rendere effettive le misure sul contrasto all’evasione per recuperare risorse e abbassare le tasse sul lavoro e sulle pensioni e per creare lavoro di qualità per giovani e donne;

-intervenire sui lavoratori poveri e sugli incapienti, anche cancellando i contratti pirata e i part-time involontari, rafforzando il sistema di welfare con nuove misure sociali.