Federconsumatori: I diamanti e le banche

Sempre più cittadini si stanno rivolgendo a Federconsumatori in quanto indotti ad impiegare i propri risparmi  nell’acquisto di un diamante da investimento dalle banche

In  particolare veniva rappresentato, sia dalla banca che dalla documentazione sottoposta al cliente a firma della Intermarket Diamond Business s.p.a., come il diamante proposto fosse un “bene rifugio”che “per sua nautura non persegue finalità speculative nel breve termine ma conservative sul lungo periodo, tendenti a tutelare il potere di acquisto della somma utilizzata”.

Veniva anche consigliato, con le predette modalità e copiose raccomandazioni, “di inquadrare la scelta di investire” in diamanti quale bene rifugio “in una più ampia visuale di investimenti differenziati in vari settori”.

Veniva inoltre garantita al cliente l’assistenza per il ricollocamento dei diamanti acquistati,  facendo riferimento alle quotazioni pubblicate trimestralmente dall’azienda su il Sole 24 ore sia per l’acquisto che per la rivendita”. 

Alla luce di tali rassicurazioni e del fatto che comunque l’operazione veniva effettuata attraverso la banca di fiducia del cliente.

Tali fatti hanno indotto i clienti all’acquisto dei diamanti

Federconsumatori Piemonte sta avviando le procedure di contestazione e la costituzione in mora verso le società che a nostro modo di vedere hanno indotto con comunicazioni non corrette ad investire in diamanti.