Cgil: 30 settembre manifestazioni in tutta Italia contro violenza su donne ‘Riprendiamoci la libertà!’ – Le iniziative in Piemonte

Roma, 22 settembre – Riprendiamoci la libertà! Con questo slogan il segretario generale della Cgil Susanna Camusso invita tutte le donne a scendere nelle piazze italiane sabato 30 settembre per le manifestazioni organizzate dalla Confederazione contro la violenza sulle donne, la depenalizzazione dello stalking, la narrativa con cui stupri e omicidi diventano un processo alle vittime.
Per la Cgil “il linguaggio utilizzato dai media e il giudizio su chi subisce violenza, su come si veste o si diverte, rappresenta l’ennesima aggressione alle donne. Così come il ricondurre questi drammi a questioni etniche, religiose, o a numeri statistici, toglie senso alla tragedia e al silenzio di chi l’ha vissuta”.
Con l’appello, dal titolo ‘Avete tolto senso alle parole’, la Cgil lancia una mobilitazione nazionale “per chiedere agli uomini, alla politica, ai media, alla magistratura, alle forze dell’ordine e al mondo della scuola un cambio di rotta nei comportamenti, nel linguaggio, nella cultura e nell’assunzione di responsabilità di questo dramma”. Perché “la violenza maschile sulle donne non è un problema delle donne”, che “non vogliono far vincere la paura e rinchiudersi dentro casa”. “L’appello – ricorda la Cgil – è aperto a tutte coloro che vorranno aderire. È fondamentale che il fronte di coloro che vogliono rompere il silenzio cresca ancora”.
Nei prossimi giorni verranno rese note le modalità delle iniziative territoriali del 30 settembre.

Appello

Avete tolto senso alle parole.

Volete togliere senso ai numeri che parlano di un dramma. Non sapete quanto pesa denunciare e quale scelta sia. Ogni denuncia porta con sè la nuova violenza di cronache morbose, pornografiche, che trasformano le vittime in colpevoli.
Non sapete dare un senso al silenzio che le donne scelgono, o a cui sono costrette e lo occultate nelle statistiche che segnano una lieve diminuzione delle denunce, seppellendo nei numeri il peso permanente della violenza, degli stupri, dei femminicidi.
Avete tolto senso alle parole quando trasformate la violenza contro le donne in un conflitto etnico, razziale, religioso.
Avete tolto senso alle parole quando difendete il vostro essere uomini, senza pensare all’ulteriore violenza che infliggete: donne nuovamente vittime, oggetto dei vostri conflitti di supremazia.
Quando riecheggia il fatidico “dove eravate?”, vorremmo noi chiedervi “dove siete?” Siamo uscite dal silenzio, abbiamo detto “se non ora quando” ed ancora “nonunadimeno”, abbiamo denunciato i diritti negati con la piattaforma CEDAW. Abbiamo colorato piazze, città, la rete, le nostre vite perché vogliamo vivere ed essere libere.
Reagiamo con la forza della nostra libertà all’insopportabile oppressione del giudizio su come ci vestiamo o ci divertiamo.
Ci vogliamo riprendere il giorno e la notte, perché non c’è un “mostro” o “un malato” in agguato, ma solo chi vuole il possesso del nostro corpo, della nostra mente, della nostra libertà. Non ci sono mostri o malati,ma solo il rifiuto di interrogarsi, il chiamarsi fuori che alla fine motiva e perpetua la violenza.
Le parole sono armi, sono pesanti lasciano tracce profonde ed indelebili, determinano l’humus in cui si coltiva la “legittimità” della violenza, la giustificazione dell’inversione da vittima a colpevole.
Ci siamo e continueremo ad esserci per riaffermare che la violenza contro le donne è una sconfitta per tutt* e ci saremo ancora perché vogliamo atti e risposte:
– La convenzione di Istanbul è citata, ma non applicata, farlo!
– La depenalizzazione dello stalking, va cancellata – ora!-
– La cultura del rispetto si costruisce a partire dalla scuola, dal senso delle parole, si chiama educazione!
– Agli operatori della comunicazione tutt*, chiediamo che ci si interroghi e si decida sul senso dell’informazione, sul peso delle parole ed esigiamo la condanna di chi si bea della cronaca morbosa.
– Ancora una volta risorse e mezzi per i centri antiviolenza, case sicure, e norme certe per l’inserimento al lavoro.
– Vogliamo che venga diffuso e potenziato il servizio di pubblica utilità telefonico contro la violenza sessuale e di genere, adesso!
– Alla magistratura e alle forze dell’ordine, che venga prima la parola della donna in pericolo, della donna abusata, che non si sottovaluti, che non si rinvii, che si dia certezza e rapidità nelle risposte e nella protezione.
Chiediamo a tutt*, pesate le parole. Sappiate che non si può cancellare la nostra libertà.

 COMUNICATO STAMPA CGIL PIEMONTE

Le donne piemontesi, dirigenti CGIL e rappresentanti di associazioni e istituzioni, sottoscrivono l’Appello #AveteToltoSensoalleParole. Con convinzione aderiamo all’appello e ci prepariamo a dare voce alla battaglia delle donne contro la violenza a partire dalle iniziative che si stanno preparando per il 30 settembre nelle piazze italiane. Invitiamo tutte le donne e gli uomini piemontesi ad aderire all’appello e a lavorare, insieme, per cambiare la cultura e i comportamenti che non rispettano la libertà, la vitalità e l’autonomia delle donne.

Prime Adesioni
Paola Bragantini – Parlamentare
Paola Berzano – Presidente Commissione Pari Opportunità Regione Piemonte
Monica Cerutti e Gianna Pentenero – Assessore Regione Piemonte
Giulia Cavaletto – Consigliera di Parità Regionale
Laura Onofri – SeNonOraQuando Torino
Silvana Accossato – Consigliera Regionale Piemonte ART1-MDP. Presidente Commissione Ambiente
Gabriella Boeri – Consigliera di Parità Città Metropolitana di Torino
Maura Forte-Sindaco di Vercelli

Adesioni CGIL
CGIL Piemonte: Elena Ferro, Monica Iviglia, Graziella Rogolino/ FILCTEM CGIL Piemonte Elena Palumbo, Seg Generale/FILCAMS CGIL Piemonte: Marinella Migliorini/Vanna Lorenzoni, Laura Seidita: Segreteria Spi CGIL Piemonte/Mara Politi, FP CGIL Piemonte/CGIL Torino: Enrica Valfrè, Seg Generale, Elena Petrosino, Costanza Vecera Segreteria, Rita Castelnuovo, Serena Moriondo, Responsabili di zona/FILCAMS CGIL Torino: Elisabetta Mesturino, seg generale/FLC CGIL Torino: Luisa Limone, seg generale/SLC CGIL Torino: Lara Calvani, seg generale/FILT CGIL Torino: Tersa Bovino, Seg Generale FILLEA CGIL Torino: Anna Maria Olivetti, segretaria/FP CGIL Torino: Paola Grieco, Camelia Munteanu segreteria/SP CGIL Torino: Assunta De Caro, Sara Grassedonio segretarie/CGIL Biella: Marvi Masazza Gal, Seg Generale/CGIL Cuneo: Danila Botta, Segreteria, Vera Masoero, Maddalena Sanna, Viviana Albericci, Giovanna Barberis/FILCAMS CGIL Loredana Sasia, Seg Generale/NIDIL CGIL Cuneo: Sofia Livingstone, Seg Generale/CAAF Cuneo: Marina Olivero/INCA Cuneo: Monica Dutto, Simona Audino, Marina Barge/FIOM CGIL Cuneo: Barbara Tibaldi, Segretaria Generale/Lara Bozzola, Segretaria CdL Novara VCO, Carolina Cardenas SUNIA Novara, Stella Cepile Segretaria Generale e Caterina Ronco, Lucia Penna, Cristina Crepaldi -FILCAMS NOVARA VCO, Silvia Franco Segretaria SLC Novara VCO, Daniela Gattuso Direttrice Patronato Inca Verbania, Viviana Uccelli, Sonia Ghiselli, Silvia Bentrovato Flc cgil Novara e Vco/Anna Poggio, – Segreteria Camera del Lavoro di Alessandria e FIOM Alessandria/Luisa Rasero, Coordinamento donne Camera del Lavoro di Asti e Fisac CGIL Piemonte/Lalla Spione – Coordinatrice INCA Piemonte/Pia Fasciana – Direttrice INCA Torino/Giustina Iannelli- Ufficio Stampa CGIL Piemonte Torino/Adriana Sanna, Laura Merlin, Graziella Silipo, Elisabetta Azzalin apparato CGIL Piemonte/Marano Valentina, Luciana Deambrogio, INCA VC/Mariella Laterra e Barbara Grazioli Segreteria CGIL VC/Lucia Decorato CAAF Borgosesia/Alberto Soffiati, Anita Sterna, Mina Polesinani apparato tecnico CGIL VC/Maria Grazia Camellini AUSER/Lara Danesino FILCAMS VC/Nadia Ronco, Bonfiglio Simona FILCTEM CGIL VC/Antonella Cattarelli, SPI VC/

COMUNICATO STAMPA CGIL PIEMONTE

Condividiamo appieno l’appello ‹Avete tolto il senso alle parole› e le richieste delle donne in esso contenute. Sono gli uomini a dover compiere un passo deciso, perciò vogliamo garantire il nostro impegno quotidiano, a partire dalla buona riuscita delle manifestazioni del 30 settembre, affinché la violenza contro le donne si arresti da subito e cambi radicalmente la cultura nel nostro paese, a partire da noi uomini.

Prime adesioni in Piemonte:

Sergio Chiamparino – Presidente della Regione Piemonte
Gianfranco Porqueddu – Presidente del CONI Piemonte
Fabio Mazzoni – Presidente Federazione Italiana Vela Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta
Stefano Esposito – Senatore Partito Democratico
Paola Bragantini – Onorevole
Tiziano Riverso – Artista
Marco Grimaldi – Capogruppo Sinistra Italiana Consiglio Regionale del Piemonte
Ezio Bertolotto – Presidente Patto Territoriale Zona Ovest Torino

Adesioni dirigenti CGIL
Pier Massimo Pozzi – Segretario Generale CGIL Piemonte/Claudio Stacchini Segreteria CGIL Piemonte/Andrea Ferrato, Pietro Passarino Segreteria CdL di Torino, Dante Ajetti, Mimmo Rinaldi, Fedele Mandarano, Umberto Radin, Maurizio Poletto/Eric Poli, Seg Generale SLC CGIL Piemonte/Mario Borgna- Seg Generale SPI CGIL Piemonte/Gino Crestini – Sg Generale Spi CGIL Torino/Vittorio Demartino Seg Generale FIOM CGIL Piemonte/Gianni Esposito – Seg Generale FP CGIL Piemonte/Mimmo Lacava – Seg Generale FP CGIL Torino, Daniele Zangrossi, Massimo Esposto – Segreteria/Igor Piotto – Seg Generale FLC CGIL Piemonte/Giacomo Sturniolo – Seg Generale FISAC CGIL Piemonte/Renzo Maso – Seg Generale FILCTEM CGIL Torino/Marco Bosio – Seg Generale FILLEA CGIL Torino/Vayr Denis – Seg Generale FLAI CGIL Piemonte e Torino/Davide Franceschin – Seg Generale NIDL Torino e Coordinatore NIDIL Piemonte/Filippo Rubulotta Seg Generale Asti/Luca Quagliotti – Seg Generale CGIL Vercelli/Carmine Lungo Segeteria CGIL Vercelli/INCA Vercelli: Stievano Renzo, Gianluca Crepaldi, Alessandro Tomasso, Alessio Trombini/ CAAF Vercelli/Arisaldi Roberto – RLST VC/FILCAMS CGIL VC Valter Bossoni/FILCTEM CGIL VC : Daniele Bovolenta, Severino Gasperini, Matteo Pisani, FILLEA CGIL Giovanni Fera, Vincenzo Tarallo/FILT CGIL VC: Alberto Bontempi, Giacomo Olivo/FIOM CGIL VC: Ivan Terranova, Alessandro Triggianese/FLAI CGIL VC Enrico Pagnoni/FLC CGIL VC Claudio Canato/FP CGIL VC Piero Bodo/NIDIL CGIL VC Orso Mazzonetta Alan/SLC CGIL VC Franco Silvia/SPI CGIL VC Gianni Archioro, Seg Generale, Rosario Cellura/Lorenzo Boffa, Segretario CGIL Biella/Mario Paonessa, FP CGIL Biella, Daniele Mason, FILLEA CGIL Biella, Michele Racanelli, FILCAMS CGIL Biella/Attilio Fasulo – Seg Generale CGIL Novara VCO/Davide Masera – Seg Generale CGIL Cuneo/Franco Armosino – Segreteria CGIL Alessandria/Romualdo Magliulo-Apparato Politico Cgil Piemonte/Gaetano D’Arco-Resp.Uff.Vertenze Cgil Piemonte

Per adesioni all’appello e informazioni scrivere a organizzazione@cgilpiemonte.it

INIZIATIVE IN PIEMONTE

“RIPRENDIAMOCI LA LIBERTA’!”. SABATO 30 SETTEMBRE MANIFESTAZIONI IN TUTTO IL PIEMONTE IN ADESIONE ALL’APPELLO LANCIATO DALLA CGIL NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

Centinaia di donne, dirigenti Cgil, rappresentanti di associazioni e istituzioni piemontesi hanno aderito all’appello lanciato dalla Cgil Nazionale: “Avete tolto il senso alle parole”, con cui la Confederazione, sabato 30 settembre, invita a scendere nelle piazze italiane e a manifestare contro la violenza sulle donnela depenalizzazione dello stalkingla narrativa con cui stupri e omicidi diventano un processo alle vittime.

La Cgil Piemonte invita tutte le donne e gli uomini piemontesi ad aderire all’appello e a lavorare, insieme, per cambiare la cultura e i comportamenti che non rispettano la libertà, la vitalità e l’autonomia delle donne.

Presidi e manifestazioni sono stati organizzati in tutti i territori:

Torino – Presidio e volantinaggio Piazza Castello (Palazzo Madama) ore 18.00 – 19.00
Alba (Cuneo) – Presidio e volantinaggio via Maestra angolo via Belli, dalle ore 18.00 alle 20.00
Asti – Presidio e volantinaggio scalinata Piazza del Palio dalle ore 9.30 alle 12.00
Biella - Presidio e volantinaggio scuole cittadine ore 13.00
Novara - Presidio e volantinaggio piazza Donatori del Sangue ore 18.00 – 20.00
Vercelli - Fiaccolata Piazza Cavour ore 18.30
Ad Alessandria, in occasione della giornata mondiale (28 settembre) per l’accesso all’aborto sicuro e legale, la Cgil organizza un corso di tre giornate per delegati sindacali contro le molestie e le violenze sui luoghi di lavoro. Alle ore 18.00 presidi e volantinaggi contro la violenza sulle donne e in difesa della 194.

L’appello, lo ricordiamo, è aperto a tutte e tutti coloro che vorranno aderire: www.progressi.org/avetetoltoilsensoalleaparole