26 e 27 settembre: White Days Agenzie delle Entrate

Le iniziative di mobilitazione messe in campo in questi mesi dal personale dell’Agenzia, culminate nelle due manifestazioni del 20 aprile e del 19 settembre dinanzi al MEF, hanno visto una rinnovata partecipazione ed una forte adesione del personale, che ha condiviso le ragioni di una protesta che si prefigge l’obiettivo di  difendere la dignità del lavoro quotidiano, la valorizzazione delle professionalità, il diritto ad una retribuzione correlata alla qualità del servizio svolto.
A fronte di quest’impegno le risposte tardano a venire, e gli stessi scenari ipotizzati dalle controparti relativi a nuove riforme e/o riorganizzazioni, ove  le stesse non siano condivise e non prevedano adeguati investimenti, rischiano di essere l’ennesima occasione perduta.  Siamo impegnati dunque in una vertenza complessa e articolata.
Ecco perché come Segreterie Regionali del Piemonte, all’interno delle iniziative di mobilitazione programmate per i prossimi giorni, abbiamo ritenuto opportuno dare un forte segnale di visibilità che possa rappresentare in modo significativo, la protesta di migliaia di lavoratori che vedono disconosciuti i loro diritti, abbandonati dai vertici amministrativi  e dalla politica, che  impone  leggi, spesso cervellotiche e ingiuste da applicare, e che poi  se ne lava le mani addossandone le criticità e le incongruenze sugli addetti.
Vi chiediamo come ulteriore forma di dissenso, nell’ambito della mobilitazione, di indossare tutte/i nei prossimi giorni, con le modalità  coordinate che vi comunicheremo per il tramite dei delegati aziendali, un capo di colore bianco (camicia, polo, T-shirt ecc) quale segno di protesta silenziosa, dignitosa ed efficace, per rappresentare anche visivamente, ai cittadini i motivi di una protesta che necessariamente deve avere momenti di visibilità e anche di comunicazione e condivisione con i cittadini, che non sono la nostra controparte.
Una protesta non nuova, che trova le radici nelle lotte di questi anni e  che  ha segnato la storia democratica del mondo del lavoro dai lavoratori licenziati nelle piccole e medie fabbriche, alla protesta dei precari che dichiaravano la loro condizione di invisibilità utilizzando una tuta bianca, ai docenti ed al mondo della scuola che ha garantito le lezioni e la docenza pur protestando in modo compatto e assolutamente non violento.
NOI NON SAREMO DA MENO E SEGNEREMO UN MOMENTO IMPORTANTE NELLE MODALITA’ DI RIVENDICAZIONE E DI PROTESTA DEL LAVORO PUBBLICO !
Torino, 22  settembre 2017                                                                                                                                                                              Le Segreterie Regionali del Piemonte

2017-locandina white Piemonte