Domodossola: Vergognosa richiesta di coprifuoco per i migranti. Videomessaggio di Susanna Camusso

Cgil Novara-Vco e Cgil Piemonte aderiscono all’iniziativa di stasera a Domodossola, contro la vergognosa richiesta del sindaco, Lucio Pizzi, di imporre il coprifuoco dopo le ore 20.00 ai richiedenti asilo.

La manifestazione è organizzata da un gruppo di giovani ed “è aperta a tutti quelli che si sentono disgustati da questo atteggiamento xenofobo e razzista”, ha dichiarato Gabriele Ricci, uno dei promotori.

Significativo l’orario: 20.01, un minuto dopo l’ora in cui dovrebbe scattare il coprifuoco.

Fate bene a proclamare questa iniziativa contro un sindaco che vuole imporre una separazione, una visione e una metodologia che ha come unico effetto quello di creare paura e di impedire una convivenza positiva nella città”, ha commentato la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso in un video-messaggio. “Tutti dovrebbero partecipare a questa iniziativa, e invitiamo il Prefetto a spiegare al sindaco che nel nostro Paese vigono regole e leggi votate alle libertà e all’accoglienza delle persone per vivere in modo integrato.”

Riteniamo che non si possa rimanere inermi di fronte a una politica che alimenta la paura, proponendo pratiche e usando parole e simboli che hanno come unica conseguenza la creazione di fobie”, dichiara il segretario generale Cgil Novara-Vco, Attilio Fasulo. La Cgil ritiene la sicurezza e la legalità elementi essenziali di un paese, tuttavia la semplificazione della realtà non è certamente il modo di assumersi seriamente le proprie responsabilità apparendo piuttosto come un comodo strumento di ricerca di consenso elettorale. Siamo certi che la città di Domodossola, medaglia d’oro della Resistenza, che ha visto i propri abitanti rifugiarsi ed ottenere asilo nella vicina Svizzera, saprà dimostrare che non si riconosce in questa politica”.

Questa sera la Cgil sarà presente per dire no alle divisioni, per affermare che il valore dell’inclusione debba sempre prevalere, che nessun essere umano possa essere definito illegale, che ovunque vi sia una discriminazione vengono meno uguaglianza di diritti e solidarietà, sanciti dalla nostra Costituzione.

Video messaggio di Susanna Camusso

 

Comunicato stampa Cgil Novara-Vco
Com Stampa Cgil Novara

 

 

 

 

 

 

 

Comunicato ANPI
Anpi